Collezioni OnlineMuseo Gregoriano EtruscoSala IX

Stamnos attico a figure rosse, 440-430 a.C., inv. 39562

Visita virtuale di questa sala

Questa sala è interamente dedicata alla collezione dei marchesi Guglielmi di Vulci, formatasi nel secolo scorso in seguito agli scavi condotti nelle tenute di Sant'Agostino e di Camposcala nel territorio dell'antica città etrusca di Vulci. La collezione rimase esposta nel Palazzo Guglielmi di Civitavecchia fino agli inizi del Novecento quando venne divisa in due parti tra i fratelli Giulio e Giacinto. La parte del marchese Giulio, ereditata dal figlio Benedetto, fu da questi donata a papa Pio XI nel 1937 e, da allora, esposta nel Museo Gregoriano Etrusco. L'altra parte, altrettanto ricca e prestigiosa, rimase di proprietà della famiglia Guglielmi fino al 1987, quando venne acquistata dai Musei Vaticani per essere finalmente ricongiunta alla prima. La collezione Guglielmi si compone in tutto di circa 800 oggetti tra bronzi, ceramica etrusca (impasto, bucchero e ceramica dipinta) e ceramica greca, quest'ultima importata essenzialmente dall'Attica, nell'ambito della fitta rete di scambi commerciali che aveva in Vulci uno dei maggiori mercati del Tirreno. La campionatura tipologica degli oggetti è eterogenea e copre un arco cronologico che va dal materiale più antico di età villanoviana fino alla tipica produzione ceramica di età ellenistica.