Collezioni OnlinePinacotecaSala IBernardo Daddi: Storie di S. Stefano

Lapidazione del Santo inv. 40148

L'apparizione in sogno di San Gamaliele inv. 40147

S. Luciano racconta la sua visione a Giovanni inv. 40158

Ritrovamento dei corpi dei Santi Luciano, Abibo, Nicodemo e Stefano inv. 40149

Traslazione dei corpi dei Santi a Gerusalemme inv. 40150

Seconda traslazione a Roma inv. 40160

Riunione del corpo di S. Stefano a quello di S. Lorenzo a Roma inv. 40159

Bisognosi che implorano miracoli sulla tomba dei Santi Lorenzo e Stefano inv. 40161

Visita virtuale di questa sala

Bernardo Daddi
(Firenze, 1290 ca. - 1348 ca.)
Martirio di S. Stefano e rinvenimento delle sue reliquie
tempera su tavola
cm. 26,5 x 30 ciascun pannello
Invv. 40148, 40147, 40158, 40149, 40150, 40160, 40159, 40161

Le otto tavolette costituivano la predella di un polittico tuttora non identificato. Esse sono state attribuite al pittore fiorentino Bernardo Daddi e la loro esecuzione si pone intorno al 1345, in relazione con l'attività tarda dell'artista. I piccoli dipinti illustrano il martirio di Santo Stefano e la storia del ritrovamento delle sue reliquie secondo il racconto medievale della Legenda Aurea di Jacopo da Varagine: iniziano con la Lapidazione del Santo, cui segue L'apparizione in sogno di San Gamaliele, maestro di San Paolo, a San Luciano, rivelandogli dove è sepolto il proprio corpo con quelli di Abibo, suo figlio, Nicodemo e S. Stefano; S. Luciano racconta la sua visione a Giovanni, Patriarca di Gerusalemme, che fa cercare i corpi; il Ritrovamento dei corpi dei Santi Luciano, Abibo, Nicodemo e Stefano nel luogo indicato da Gamaliele; la Traslazione dei corpi dei Santi a Gerusalemme, dove quello di S. Stefano risanò miracolosamente Eudossia, figlia dell'imperatore Teodosio, posseduta da uno spirito maligno; la Seconda traslazione a Roma; la Riunione del corpo di S. Stefano a quello di S. Lorenzo a Roma e infine i Bisognosi che implorano miracoli sulla tomba dei Santi Lorenzo e Stefano.