Vasellame
Collezioni OnlineMuseo Gregoriano EtruscoSala II

Vasellame

Cerveteri, Tomba Regolini Galassi
metà del VII sec. a.C.
argento
inv. 20438, 20439, 20461, 20464

Il vasellame della tomba presenta caratteri di varietà e completezza che fanno supporre una precisa logica nella selezione dettata da un chiaro rituale funerario. Si nota la coesistenza significativa di materie prime, di forme e di temi decorativi sia d'importazione che locali. La brocca d'argento (1), con attacco dell'ansa placcato in oro, è di tipologia cipriota, spesso imitata localmente in bucchero. Le patere in argento dorato con temi di gusto egittizzante (non visibili in foto), sono di produzione fenicio-cipriota, mentre una forma locale, rappresentata dall'anforetta a spirali incise (2), prodotta tradizionalmente sia in ceramica d'impasto che in bucchero, è qui preziosamente elaborata in argento. Anche la coppetta conica (skyphos) è presente sia nella veste originale protocorinzia, che in bucchero locale e in argento (3). Su molti dei vasi in argento è apposta l'iscrizione etrusca larthia o mi larthia, "io sono di Larth", secondo l'uso arcaico dell'oggetto "parlante".