Bambola

Photogallery

Bambola
Bambola
Tessere per giochi circensi
Tessere per giochi circensi
Tessere per giochi circensi
Tessere per giochi circensi
Tessere per giochi circensi
Tessere per giochi circensi
Tessere per giochi circensi
Tessere per giochi circensi
Tessere per giochi circensi
Tessere per giochi circensi
Tessere per giochi circensi
Tessere per giochi circensi
Sala XV. Antiquarium Romanum, terrecotte, vetri, avori

La bambola fu rinvenuta, insieme a sei tessere con rappresentazione di giochi circensi e a quattro dadi in avorio, all’interno di un sarcofago datato al primo terzo del IV sec. d.C., scoperto presso il lato sinistro della Basilica di S. Sebastiano in Roma nel 1937. Resti di pregevoli tessuti in fili d’oro aderiscono ancora al corpo della bambola, che ha la particolarità degli arti mobili. Sul sarcofago – che conteneva il corpo di una giovane donna di circa quindici anni forse sottoposto a trattamento di mummificazione – erano raffigurati temi cristiani: la moltiplicazione dei pani e dei pesci, la resurrezione di Lazzaro, l’arresto di Pietro; sul coperchio, la tabula vuota dell’iscrizione e i busti di un uomo e di una donna in atto di preghiera con drappi sullo sfondo sostenuti da eroti.
Si tratta, con ogni evidenza, della sepoltura di una fanciulla appartenente a una eminente famiglia cristiana della Roma tardo imperiale, che elesse significativamente il luogo di questa Basilica dove intorno alla metà del III sec. d.C., secondo una tradizione, vennero traslati i corpi dei Santi Pietro e Paolo.