Visitatori non vedenti
Accessibilità

Accessibilità

I Vaticani, un Museo per tutti e di tutti. Un luogo coinvolgente, di partecipazione e di inclusione. Un Museo da godere, vedere, toccare, ascoltare e odorare.

Per un accesso più ampio e agevolato al loro patrimonio artistico, i Musei Vaticani propongono al pubblico dei visitatori ipo e non vedenti un servizio gratuito di Visite tattili plurisensoriali.  Viene loro offerta la possibilità di effettuare esplorazioni tattili su calchi e su un'ampia selezione di sculture e manufatti originali esposti in Pinacoteca Vaticana, nei Musei Gregoriano Profano, Gregoriano Egizio ed Etnologico, così come nei Giardini Vaticani.
L'intento è quello di permettere anche alle persone ipo e non vedenti di conoscere iconograficamente alcuni capolavori delle collezioni vaticane mediante il supporto aggiuntivo di tavole termoformate e bassorilievi prospettici, realizzati ad hoc con corredo di legenda in Braille e/o in nero a caratteri ingranditi.

 

Fasi della visita  

Lettura sincretica ed analitica delle opere mediante l'utilizzo di tavole termoformate e di bassorilievi prospettici realizzati ad hoc. Simulazione quindi dell’esperienza visivo-prospettica per l'analisi degli effetti compositivi, tecnici, plastici e cromatici.

Ascolto di brani poetici e musicali che, uniti a richiami analogici, sinestetici (acustici, olfattivi, tattili, ecc.) sollecitati dagli operatori didattici, evocheranno le immagini rappresentate nell’opera, favorendo il passaggio dalla semplice conoscenza alla percezione più profonda.

Grazie alle perfette riproduzioni realizzate da esperti restauratori, sarà possibile toccare il frammento di affresco con il dettaglio dell'aureola dell'Angelo di Melozzo, o la porzione di tela con il particolare della sindone della Deposizione di Caravaggio.

N.B. È consentito l’accesso ai cani guida per persone non vedenti purché muniti di guinzaglio e museruola. Per agevolarne l’accoglienza e l’ingresso, si richiede di inoltrare con alcuni giorni d'anticipo la comunicazione a 
accoglienza.musei@scv.va.