Marc Chagall, Le Christ et le peintre

Photogallery

Marc Chagall, Le Christ et le peintre
Marc Chagall, Le Christ et le peintre
Sala 19. Marc Chagall

Nella gouache Le Christ et le peintre Chagall torna su un tema a lui caro fin dall’inizio degli anni Dieci, quando immerso nello stimolante ambiente parigino, si era ritratto davanti al cavalletto sullo sfondo della Tour Eiffel. In questa variante del 1951 – una delle tante che concepisce sul tema della Crocifissione – torna a raffigurarsi con la tavolozza in mano, ma aggiunge, tra sé e la tela appena abbozzata, la figura del Cristo in croce, posto al centro della scena, di un incarnato giallo-dorato che ne rende la presenza ancor più sovrannaturale. L’atto del Sacrificio diventa così metafora del tormento della creazione artistica: «come Cristo io sono crocifisso, inchiodato coi chiodi al cavalletto», scrive Chagall. Lo spazio circostante è animato da presenze tipiche del suo universo fiabesco che volano, leggono la Bibbia o sorreggono la menorah, il candelabro ebraico, allusione dell’attaccamento di Chagall alla propria cultura d’origine.