Collezioni OnlineMuseo Gregoriano EtruscoSala II

Tomba Regolini Galassi

La tomba

Pettorale in oro, metà del VII sec. a.C., inv. 20553

Fibula, metà del VII sec. a.C., inv. 20552

Vasellame in argento, metà del VII sec. a.C., inv. 20438, 20439, 20461, 20464

Letto funerario e carro, metà del VII sec. a.C., inv. 15052

Calamaio in bucchero, seconda metà del VII sec. a.C., inv. 20349

Tomba Calabresi, seconda metà del VII sec. a.C.

Tomba Giulimondi, primo quarto del VII sec. a.C.

Urna Calabresi, terzo venticinquennio del VII sec. a.C., inv. 20825-20826

Visita virtuale di questa sala

La sala è ospitata in un grande ambiente affrescato da Federico Barocci e da Federico e Taddeo Zuccari nel 1563 con scene della vita di Mosè ed Aronne.

In essa è riunito il nucleo più importante della raccolta gregoriana, rinvenuto in uno scavo del 1836-37 nella necropoli del Sorbo di Cerveteri, dal generale Vincenzo Galassi e dall'arciprete di Cerveteri, Alessandro Regolini. A questo materiale, proveniente da non meno di nove tombe costruite entro quattro tumuli vicini, si aggiunse quello rinvenuto da Giovanni Pinza nel 1906 nella Tomba Giulimondi, nel corso di saggi volti a studiare la topografia della necropoli.